X

Join Our Mailing List

Be the first to know about the latest stories, masterclasses and special events at witnessimage

We respect your privacy

Bloody batteries

by Luca Catalano Gonzaga

Terra di conquista del nuovo colonialismo è la Repubblica Democratica del Congo (DRC), dove il governatore della provincia del Katanga ha messo a disposizione degli investitori stranieri 14 milioni di ettari di terreni. Nella regione del Katanga viene estratta più della metà del cobalto ricavato al mondo. Il Cobalto insieme ad altri minerali strategici quali il litio ed il nichel, sono presenti nelle nuove batterie ricaricabili agli ioni di litio che alimentano le auto elettriche di nuova generazione, ma anche i nostri smartphone, i tablet e i computer che usiamo tutti i giorni. L’industria mineraria del cobalto utilizza macchinari pesanti ed è controllata principalmente da società straniere. Il recente rapporto “Cobalt blues” del “Centre for Research on Multinational Corporations” (SOMO), https://www.somo.nl/cobalt-blues/ descrive come le compagnie minerarie estere che estraggono il cobalto siano coinvolte nell’accaparramento di terre, nell’annullamento dei mezzi di sostentamento della comunità locale e nelle violazioni dei diritti dei lavoratori. L’industria causa anche notevoli danni ambientali, tra cui la perdita di biodiversità e la deforestazione, l’inquinamento atmosferico e la contaminazione dell’acqua con elementi tossici e radioattivi, a scapito della popolazione locale. Uomini, donne, ragazze e circa 40.000 bambini nella regione del Katanga meridionale, sono costretti a vivere e lavorare nelle cosiddette miniere “artigianali” in condizioni pericolose e insalubri. Il reportage fotografico è stato realizzato presso Kanina e Kabamba, remote comunità minerarie alla periferia di Kolwezi, nella ricchissima Provincia del Lualaba, ex Katanga. Qui sopravvive un modello di sfruttamento economico e sociale che produce condizioni di disuguaglianza e sottosviluppo.

Witness Image ringrazia la ONG locale, Bon Pasteur, affiliata con la Fondazione Internazionale Buon Pastore ONLUS, per il supporto logistico, senza il quale, questo reportage fotografico non sarebbe stato possibile realizzare.(testo a cura di Luca Catalano Gonzaga).