X

Join Our Mailing List

Be the first to know about the latest stories, masterclasses and special events at witnessimage

We respect your privacy

The nuclear grave of india

by Luca Catalano Gonzaga

Distorsioni dell’apparato scheletrico, cranio parzialmente formato, testa gonfia, occhi o orecchie mancanti, malattie del sangue, dita fuse tra loro, danni al cervello. La maggior parte dei bambini dei villaggi intorno a Jadugoda, città dello Stato indiano orientale del Jharkhand, soffre di simili deformità fisiche. Da anni gli ambientalisti riconducono queste condizioni ai rifiuti tossici prodotti dalla miniera d’uranio che si trova nel villaggio. Entro il 2032, l’India spera di generare 63 gigawatt di energia nucleare che taglierebbero la sua dipendenza energetica e la metterebbero sulla strada del progresso. Ma il progresso ha un prezzo. Jadugoda, nello stato orientale del Jharkhand, è quel prezzo. Questa piccola città ospita il più pregiato minerale di uranio del mondo, il diuranato di magnesio. Questo letale elemento necessario per i reattori del paese sta lentamente sterminando un’intera generazione della popolazione che vive nella zona. Le persone di Jadugoda sono esposte alla radioattività in diversi modi: le operazioni di estrazione e macinazione dell’uranio producono polveri e rilasciano gas radon, entrambi i quali sono inalati dai minatori e causano irradiazione interna. Il minerale di uranio viene trasportato su camion scoperti su strade sconnesse, causando la caduta e lo sbarco di detriti radioattivi. Gli sterili della miniera mantengono un’alta percentuale della radiazione originaria e vengono scaricati in stagni non rivestiti e scoperti, che emettono radon gas e radiazioni gamma. I villaggi che si trovano in prossimità dei bacini di decantazione sono i più colpiti. Durante la stagione secca, la polvere degli sterili soffia attraverso questi villaggi. Durante le piogge monsoniche, i rifiuti radioattivi si riversano nelle insenature e nei fiumi circostanti, causando ulteriori radiazioni interne mentre gli abitanti del villaggio usano l’acqua contaminata per lavarsi e bere e anche utilizzare gli stagni nelle vicinanze per la pesca. Le scorie nucleari scaricate possono rimanere radioattive e pericolose per milioni di anni. Secondo uno studio condotto da un’equipe di medici del gruppo Indiani per la Pace e lo Sviluppo (IDPD), c’è stato un aumento significativo dei casi di deformità congenite tra i bambini, aumento della sterilità e numero elevato di morti a causa di cancro. Anche la ridotta aspettativa di vita tra le persone che vivono vicino alle miniere è stata documentata, il 68,33 per cento delle persone muore prima dei 62 anni. (testo a cura di Muriel de Meo).