Under the weight of bricks

by Luca Catalano Gonzaga

Tra le emergenze che l’Afghanistan vive nel tentativo di creare uno Stato non solo unitario, ma anche solidale e di diritto, c’è la condizione delle sue donne e dei suoi figli. Una condizione generalmente sfavorevole, che si intreccia nell’ambito lavorativo con ampie aree di sfruttamento. Un nuovo rapporto sul lavoro coatto nelle fabbriche di mattoni in Afghanistan diffuso dall‘Organizzazione internazionale del Lavoro (Ilo) ha messo in luce la drammatica realtà dei minori, che di questa manovalanza costituiscono la maggioranza: ben il 56 per cento dei lavoratori. In Afghanistan gran parte delle famiglie che lavorano nelle fornaci hanno conosciuto la servitù per debiti. Intere famiglie con competenze limitate e senza accesso al credito, trovano lavoro solo nelle fornaci, dove viene loro garantito un anticipo sul salario nonché l’alloggio e l’acqua come pagamento in natura. In media le famiglie sono composte da 8,8 persone, e l’83 per cento dei capifamiglia non ha ricevuto nessuna istruzione. (text by Luca catalano Gonzaga).